autunno

autunno

domenica 23 agosto 2015

4 AMICI NEURONI (QUEI 4 NEURONI)

QUEI QUATTRO NEURONI.


SI RIAPRE  il dibattito, a dire il vero mai chiuso, sull’opportunità di legalizzare la cannabis. Dopo la proposta di alcuni parlamentari, le opinioni di piu’ o meno illustri professori, dottori, personaggi pubblici  o/e gente comune si perdono nella discussione che se è giusto legalizzare la cannabis, sarebbe giusto legalizzare anche altri reati… -ma ci rendiamo conto di quello che è l’argomento, o siamo tutti già “drogati”?
Io penso che ognuno sia libero, finchè  non lede un’altra persona, di fare ciò che ritiene più opportuno, affinchè stia meglio con se stesso e con il mondo.  
Se questo significa che io, nella mia libertà, mi sento meglio con un braccio anziché due, vado in cantina, prendo l’ascia, e me lo taglio. (il braccio) –poi ognuno si tagli quello che vuole-
Che cosa centra legalizzare gli omicidi o le rapine o altri reati?
Chi usa farsi lo spinello, è convinto nella sua libertà di fare una cosa buona per se stesso? Continui a farsi lo spinello, l’importante è che non commetta sciocchezze dopo, visto che, ogni sostanza che altera il normale equilibrio neuro-psico-fisico, puo’ provocare, in soggetti predisposti, reazioni diverse. Il reato, quindi, non scatta se mi faccio la canna, ma se dopo la canna, alterato, mi metto alla guida e provoco un incidente.
Quindi una persona che si chiude in casa e vuole ubriacarsi o farsi una canna, lo faccia pure, l’importante è che prima di mettersi alla guida di una macchina, o di svolgere qualsiasi attività che richieda attenzione, sia completamente sobrio.
Nella mia convinzione che OGNI SOSTANZA  CHE AGISCE COL CERVELLO BENE NON FACCIA  penso sia meglio conservare e far ben funzionare  quei quattro neuroni che ho,  quindi a me non piace farmi le canne;  ma conosco migliaia di persone convinte che  neuroni ne hanno fin troppi, -quindi anche se ne bruciano un pò non importa- che si fanno le canne e  non creano fastidi a nessuno.
Forse  solo al pregiudizio di troppi che pensano che per combattere il mal di testa sia più opportuno prendere l’aulin, perché fa meno male che tagliarsela.


MIMMO SOLA