autunno

autunno

domenica 25 settembre 2016

Collana il sogno : la guerra dell'uomo col dio cervo - tra poesia e racconto - di mimmo

Lascio i pensieri andare,  mi distraggo un poco, di lato senza voce un movimento inconsueto, attraente, mi attenziona; un cervo adulto guardandomi che soffia, e tanta nebbia forma intorno a se; i palchi sono rami maestosi, che in quella coltre paiono più grandi, nel bosco fitto è uscito alla radura, dove tutto si apre il suo respiro  è fumo, non ha paura ed io mi avvicino, noto la sua ferita sul costato,  mi guarda sbalordito e chiede aiuto, anche la sua innata diffidenza, adesso assume un senso indefinito, se c'è un bisogno grande che lo spinge, ad esser suo malgrado amico mio.
ma quando sono proprio lì accanto, per toccarlo, un colpo sordo da lontano e un tonfo,  e il cervo a terra  ancora  a fumare nebbia, mi guarda grato e intende  il mio bel gesto, vano; quando comunque il male arriva, da lontano.
che ingrato l'uomo che un esemplare uccide, per puro suo egoismo, suo piacere;  soltanto cambiando nome al cacciatore, e anche alla preda suo fratello uguale, capisco la natura maledetta, di gente che di morte ne approfitta.