autunno

autunno

giovedì 30 marzo 2017

tratto da "la ragazza disegnata" di mimmo sola

ricordare il passato significa a volte pensare di come sarebbe il presente, se invece di una strada, ne avremmo percorso un'altra.

lo faceva spesso Luca, coi suoi rimpianti, ripercorrendo a ritroso i sentieri, spesso tortuosi, che aveva deciso di seguire; le scelte fatte allora  lo posizionavano oggi in una condizione di equilibrio precario, anche professionale, nonostante la sua spiccata intelligenza e forza di volontà.

ma luca è un giusto.

purtroppo sono gli scotti da pagare per comportamenti seppur onesti, per lui controproducenti; recidivi.

il suo carattere irruento e incline  non al compromesso ma alla presa di posizione,  ostacolavano il normale evolvere in positivo, delle iniziative pur valide, che di volta in volta metteva in essere.

l'ultimo caso il litigio con un collega di cantiere, amico del capo, che sfruttava la sua posizione per delegare altri nello svolgimento di un compito assegnatogli.

a luca non andava giù che in tanti lavorassero sodo, e qualcuno invece facesse il furbetto.

dopo un sonoro ceffone al pupillo del capo, perse anche questo lavoro.

in un mondo ideale le sue idee di uguaglianza e ripartizione dei compiti sarebbero state non solo sacrosante, ma utili per uno scopo condiviso;  ma di fronte ad un'evidenza di leccaculismo cosmico,  
tutte le sue teorie andavano a farsi fottere.